AnnalisaAndreoni.it

Icona Facebook   Icona flusso RSS

Tranquilli, la lingua inglese non sostituirà l’italiano nei corsi universitari

[« L’Huffington Post», 6 marzo 2017]

Pochi giorni fa la Corte costituzionale ha emesso una sentenza (42/2017) molto importante sull’uso della lingua italiana nell’insegnamento universitario, e ha così stabilito:
«La lingua italiana è […], nella sua ufficialità, e quindi primazia, vettore della cultura e della tradizione immanenti nella comunità nazionale, tutelate anche dall’art. 9 Cost. […] Il plurilinguismo della società contemporanea, l’uso d’una specifica lingua in determinati ambiti del sapere umano, la diffusione a livello globale d’una o più lingue sono tutti fenomeni che, ormai penetrati nella vita dell’ordinamento costituzionale, affiancano la lingua nazionale nei più diversi campi. Tali fenomeni, tuttavia, non debbono costringere quest’ultima in una posizione di marginalità:

Read more

Caro Renzi, smettila di tenere in ostaggio il PD

[«L’Huffington Post», 1 febbraio 2017]

Ma come è possibile che il segretario del maggior partito italiano si rifiuti di convocare un congresso, nel momento in cui lo chiedono a gran voce non solo la minoranza interna, ma anche esponenti di peso del partito come due presidenti di regione, quello della Toscana e quello della Puglia, e gran parte degli elettori del Centrosinistra?

Read more

Elena Ferrante una e trina: contro l’idea romantica di autorialità

[«L’Huffington Post», 5 ottobre 2016]

Sono rimasta stupita dalle critiche che hanno sommerso il giornalista Claudio Gatti per aver pubblicato sul Sole 24 Ore un’inchiesta in cui si elencavano dati finanziari a sostegno dell’ipotesi che Elena Ferrante sia in realtà Anita Raja, il cui nome circola da anni tra le ipotesi più accreditate. Da lettrice, mi sembra che si sia trattato di un lavoro svolto con i mezzi classici del giornalismo d’inchiesta e che sia francamente immeritato definirlo, come è stato fatto, soprattutto da altri scrittori, un “rovistare come i gatti nei bidoni” o “il più grande autogol giornalistico dei nostri tempi”.

Read more

Fabrizia Ramondino, una grande scrittrice in un’Italia che ha sempre avuto problemi con le donne

[«L’Huffington Post», 22 luglio 2016]

Diceva Benigni, quando nei suoi spettacoli faceva Dio che, tornato sulla Terra, si stupiva di come i fedeli avessero frainteso i suoi insegnamenti: “Ho l’impressione che abbiate un problema con le donne”. In Italia, è noto, abbiamo un problema con le donne. Viviamo in un paese in cui l’uso di termini al femminile come sindaca e ministra causa una levata di scudi e sorrisi di compatimento, e infatti le sindache vengono chiamate “bamboline” e alle ministre si consiglia di occuparsi di cellulite piuttosto che di riforme istituzionali. In un paese come questo, è normale pensare alla grande letteratura come a un fatto di uomini.

Read more